Password dimenticata?
 

Ultime comunicazioni dalla Segreteria

01/01/2017 Benvenuti alla nuova edizione 2017 del corso on-line su "la gestione del paziente in terapia di mantenimento dopo induzione della remissione con farmaci anti-TNF: Focus sulla malattia di Crohn"

Il corso è gratuito ed è accreditato per 3 crediti formativi ECM. Il tempo stimato per seguire l'intero corso è di circa 3 ore.

Presentazione del corso

A conclusione del presente ciclo di seminari di aggiornamento, si è deciso di dedicare l'ultima lezione ad un argomento che riteniamo di notevole interesse sia clinico che farmacologico. Infatti, un punto che rimane molto controverso e dibattuto, sia nella letteratura scientifica che nella pratica clinica, è rappresentato dalla gestione del paziente affetto da una malattia infiammatoria immuno-mediata per il quale il medico, dopo essere riuscito a indurre la remissione della malattia attiva per mezzo di un farmaco biotecnologico, deve pianificare la successiva fase di mantenimento, mirata ad evitare innanzi tutto una recidiva della malattia stessa.

Nel selezionare le principali tematiche da affrontare nel corso della presente lezione, è stato scelto di focalizzare la discussione solo sui farmaci anti-TNF, soprattutto perché con questi farmaci è stata ormai acquisita un'esperienza ultra-decennale, ma anche perché la scadenza dei brevetti di alcuni di essi, e la conseguente autorizzazione dei rispettivi farmaci biosimilari, sta molto animando dibattiti e polemiche sull'opportunità di somministrare tali farmaci a pazienti che stanno rispondendo in maniera adeguata alla terapia con il farmaco originatore. In questo contesto, si è deciso inoltre di trattare la tematica solo dal punto di vista della malattia di Crohn, e questo perché la gestione della remissione nei pazienti affetti da tale patologia impone di discutere alcuni aspetti critici e di non facile soluzione.

Tra questi, un problema è rappresentato dal fatto che, a differenza di altre malattie infiammatorie immuno-mediate, in Italia per la malattia di Crohn, fino a poco tempo fa, abbiamo avuto a disposizione, come farmaci biotecnologici, solo due molecole – infliximab e adalimumab – entrambi appartenenti alla classe degli anti-TNF – e questa situazione ha ristretto la gamma di opzioni e strategie possibili a disposizione dei medici per la gestione dei propri pazienti.

Di recente, tale situazione è sostanzialmente cambiata con la recente disponibilità dei farmaci biotecnologici anti-integrina, ma, a questo riguardo, sarà necessario attendere qualche anno prima di acquisire dati sufficienti, raccolti nel contesto della pratica clinica quotidiana, per poter capire come collocare questi nuovi farmaci nella terapia di mantenimento dei pazienti con malattia di Crohn.

Informazioni

Codice ECM: 38-176284

Numero crediti ECM: 3
I crediti ECM saranno ottenibili una volta completato il 100% del corso e risposto correttamente al 75% delle domande contenute nel questionario di verifica apprendimento

Periodo: on-line fino al 14/11/2017

Destinatari: medici chirurghi (tutte le discipline), biologi, farmacisti ospedalieri, infermieri, infermieri pediatrici

Il corso è chiuso.
Non sono possibili nuove registrazioni, mentre i corsisti precedentemente registrati possono ancora accedere alle lezioni.

Con il contributo educazionale di:

Abbvie